Info al paziente






Disturbo da Attacchi di Panico

“Porto addosso le ferite di tutte le battaglie che ho evitato”
F.Pessoa

Il panico può essere definito come la forma più estrema di paura accompagnata da sintomi somatici e cognitivi, quali palpitazioni, sudorazione improvvisa, tremore, sensazione di soffocamento, dolore al petto, nausea, vertigini, paura di morire o di impazzire, brividi o vampate di calore.

La paura più frequentemente riportata dalle persone che soffrono del Disturbo da Attacchi di Panico è la paura di perdere il controllo di se stessi e delle proprie funzioni vitali ma anche la paura di morire (piu frequente in passato).

L’esperienza si caratterizza per essere spesso improvvisa e inaspettata sopratutto la prima volta e questo fa si che il singolo episodio possa sfociare in un “Disturbo di panico”, dove la paura della paura porta la persona a mettere in atto tre comportamenti con la finalità di proteggersi:

  1. l’evitamento di tutte le situazioni che potenzialmente potrebbero portare al panico;
  2. controllare volontariamente le proprie reazioni fisiologiche all’ansia (battito cardiaco, tremore, sudorazione, ecc.), con l'effetto paradossale che più la persona cerca di controllarle più queste aumentano, aumentando così la paura fino a farla divenire panico,
  3. richiedere rassicurazione e aiuto quando non è possibile evitare ciò che spaventa, col risultato che di confermare la propria incapacità e aumentare la paura.

Questi tre tentativi di soluzione come vediamo in realtà vanno quindi a mantenere e strutturare un vero e proprio ciclo vizioso dove ciò che mantiene il problema è proprio quello che la persona fa nel tentativo di sfuggire alla paura.

Una terapia efficace ed efficiente deve guidare il paziente ad interrompere le 3 sopracitate strategie fallimentari, sostituendole con modalità funzionali, questo è possibile attraverso stratagemmi terapeutici che portano il paziente a sperimentare concretamente il superamento del panico e dopo sulla consapevolezza del soggetto e sullo sviluppo delle proprie risorse personali.

La letteratura mostra che attraverso la Terapia Breve strategica oltre il 90% dei casi trattati è risolto in una media di 10 sedute.



Ambiti di intervento

  • Sostegno e terapia individuale
    • Attacchi di panico
    • Fobie
    • Disturbo Ossessivo Compulsivo
    • Depressione
    • Disturbi del Comportamento Alimentare
    • Disturbi psicosomatici
    • Disturbo Post Traumatico da Stress
    • Disturbo Acuto da Stress
    • Difficoltà relazionali
    • Gioco d'azzardo
    • Problematiche legate alla sfera sessuale
    • Problematiche in ambito lavorativo
    • Eventi traumatici
    • Lutto
    • Gravidanza
    • Adozione
  • Psicoterapia Mansionale Integrata
  • Sessuologia clinica
  • Sostegno e terapia di coppia
  • Sostegno e terapia alla famiglia
    • nascita di un figlio
    • adozione e affidamento
    • separazione e divorzio
    • famiglia monoparentale e ricostituita
    • problematiche relazionali e gestionali di un figlio adolescente
    • problematiche relazionali e gestionali rispetto al genitore anziano
  • Sostegno in gravidanza e post parto
  • Sostegno alla genitorialità

Dott.ssa Angela Turchi - Riceve in: Via Rimaggio, 19, Sesto Fiorentino (FI) | Via A. Gramsci, 189, Sesto Fiorentino (FI) | Via Cairoli, 16, Firenze
turchiangela@gmail.com | privacy | cookie policy
P.I. 06121900481

Iscrizione all'Albo: n. 5263, l'Ordine degli Psicologi della regione Toscana

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi.
I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2015 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Angela Turchi.
Ultima modifica: 20/02/2019